< Torna nell'area stampa

LAVORO DOMESTICO, RINNOVATO IL CONTRATTO COLLETTIVO


LAVORO DOMESTICO, RINNOVATO IL CONTRATTO COLLETTIVO

Nuovo CCNL per datori e lavoratori domestici.

 Le Parti Sociali, al termine di un lungo percorso di contrattazione, firmano il rinnovo del CCNL sulla disciplina del rapporto di Lavoro Domestico.

“Il nuovo testo – afferma Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA, Associazione Nazionale famiglie datori di lavoro domestico –  si rivolge ad un pubblico potenziale, contando anche il lavoro sommerso del settore (circa 58,3%), di 4 milioni di persone tra famiglie e lavoratori domestici. Questo CCNL si applica ad un settore che produce l’1,3% del PIL (18,96 miliardi di € di Valore Aggiunto)”.

Tra le principali novità ci sono:

  • l’estensione del periodo di prova a 30 giorni per tutti i lavoratori domestici,
  • l’indennità mensile di 100 € per i lavoratori CS o DS addetti all’assistenza di più di una persona non autosufficiente,
  • il livello unico per le baby-sitter,
  • aumento retribuzioni.

Nel nuovo CCNL è stato introdotto il valore della formazione. Punto fondamentale per dare dignità al lavoratore domestico e maggior tutela alla famiglia. “L’invecchiamento della popolazione – commenta Lorenzo Gasparrini – sta alterando il profilo del settore, negli ultimi anni sono costantemente aumentate le badanti (+11,5% dal 2012) e diminuite le colf (-32,1%). Il lavoro domestico sta diventando sempre più un lavoro di cura. Oltre all’attività di semplificazione del CCNL e di incremento delle tutele per datori e lavoratori svolto dalle Parti Sociali, serve una politica fiscale per sostenere le famiglie e incrementare l’emersione dal nero avviata con le 177.000 regolarizzazioni della Sanatoria”.

Scarica il contratto collettivo o consulta gli articoli del CCNL attraverso i menù dinamici presenti su questo sito.