< Torna nell'area stampa

Distribuzione regionale di colf e badanti straniere


Distribuzione regionale di colf e badanti straniere

Distribuzione regionale di colf e badanti straniere

I tratti principali che hanno contraddistinto il settore lavoro domestico negli ultimi anni sono la presenza massiva di lavoratori stranieri e il lavoro nero (58% circa).

“A livello nazionale si registra una prevalenza di lavoratori domestici stranieri (oltre il 70%), – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA – anche se in alcune regioni la percentuale di lavoratori italiani è molto alta: Sardegna (80%)”.

Tra i lavoratori domestici stranieri, la componente più significativa è quella dell’Est Europa che arriva a rappresentare il 42% del totale.

I lavoratori dell’Est Europa si concentrano nelle regioni del Nord Est, dove grazie alla vicinanza geografica la percentuale arriva al 60%. Dal Rapporto Annuale sul Lavoro Domestico 2019 di DOMINA, realizzato dall’Osservatorio Nazionale DOMIMA in collaborazione con la Fondazione Leone Moressa, emerge che i lavoratori domestici asiatici, rappresentano il 15% dei lavoratori a livello nazionale e superano il 20% nelle regioni in cui è forte la presenza di colf come la Lombardia (21%).

Sono poi 58 mila i lavoratori domestici che provengono dal Sud America e se a livello nazionale rappresentano il 7% del totale dei lavoratori, arrivano al 24% in Liguria.

I quasi 49 mila lavoratori che provengono dall’Africa rappresentano invece il 6% a livello nazionale ma raggiungono il 12% in Sicilia.