< Torna nell'area stampa

COVID-19, LE PARTI SOCIALI POTENZIANO LA CASSACOLF PER SOSTENERE IL LAVORO DOMESTICO


COVID-19, LE PARTI SOCIALI POTENZIANO LA CASSACOLF PER SOSTENERE IL LAVORO DOMESTICO

Per fronteggiare gli effetti della pandemia, in attesa del varo del prossimo Decreto Legge con misure a supporto degli 860mila lavoratori domestici regolari del comparto, scende in campo la bilateralità. Le Parti Sociali firmatarie della contrattazione nazionale di settore, hanno convenuto di rispondere ai numerosi bisogni del comparto stanziando 6 milioni di Euro erogando prestazioni sanitarie integrative legate all’emergenza Covid-19 attraverso la cassa di assistenza sanitaria integrativa di settore CAS.SA.COLF, con decorrenza dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2020.

Art. 1 – PRESTAZIONI PER I POSITIVI AL COVID-19

La CAS.SA.COLF provvede a corrispondere ai dipendenti iscritti:

  • Indennità giornaliera in caso di ricovero
  • Indennità giornaliera in caso di convalescenza
  • Indennità per figli a carico
  • Rimborso per materiale sanitario riabilitativo
  • Rimborso per visite domiciliari

Di seguito le specifiche per singole prestazioni.

In collaborazione con UniSalute, in caso di ricovero con pernottamento in strutture ospedaliere, si riconosce al lavoratore iscritto la corresponsione di un’indennità di € 40,00 per ogni notte di ricovero per un periodo non superiore a 50 giorni annui (1.1.).

La CAS.SA.COLF, in collaborazione con UniSalute, secondo le prescrizioni dei sanitari, qualora si renda necessario un periodo di isolamento domiciliare, eroga al lavoratore un’indennità di € 40,00 al giorno per un periodo non superiore a 14 giorni annui.  La diaria giornaliera per isolamento domiciliare sarà corrisposta se l’iscritto non ha subito un ricovero (1.2.).

In aggiunta al punto 1.1. e al punto 1.2.,  la CAS.SA.COLF, , riconosce una diaria giornaliera di € 40 per un periodo non superiore a 14 giorni annui, per i lavoratori che abbiano almeno un figlio minorenne anagraficamente convivente risultante dallo stato di famiglia.

La CAS.SA.COLF, rimborsa tutti i materiali sanitari utilizzati per il periodo di cura domiciliare (farmaci, bombole di ossigeno e saturimetro), a seguito di presentazione di apposita documentazione che comprova l’acquisto del materiale e la prescrizione del medico curante (1.4.). La disponibilità una tantum questa  garanzia è di € 200,00 per iscritto.

In caso di visite domiciliari o extradomiciliari da parte di personale medico o infermieristico per interventi resi necessari per contrastare l’epidemia, la CAS.SA.COLF riconosce al lavoratore, in aggiunta alla prestazione delle visite specialistiche di cui all’art.7.4., un rimborso entro il limite complessivo di 100,00 euro annui sia erogate dal servizio sanitario nazionale che da privati (1.5.).

Quali documenti medici servono per la richiesta dell’articolo 1?

Per l’attivazione delle garanzie è necessario il referto del tampone che attesti la positività al virus COVID-19, rilasciato dalle Autorità competenti e la dichiarazione sostitutiva dello stato di famiglia (Allegato A) solo per la prestazione Art.1.3. e il modulo richiesta prestazioni covid-19 (Allegato B) compilato nei campi per i quali si intende richiedere la prestazione.

Art. 2 – PRESTAZIONI DI PREVENZIONE PER SOSPETTO COVID-19

Nel caso in cui al lavoratore venga assegnato un provvedimento (certificato medico) per un periodo di quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare, viene riconosciuta una diaria di € 40 al giorno fino ad un massimo di 14 giorni annui (2.1.).

Quali documenti medici servono per la richiesta dell’articolo 2?

Per avere diritto alla prestazione, il lavoratore dovrà inviare a CAS.SA.COLF il certificato con gli estremi del provvedimento e il modulo richiesta prestazioni covid-19 (Allegato B) compilato nei campi per i quali si intende richiedere la prestazione.

Art. 3 – PRESTAZIONI DI GENITORIALITÁ

Aggiunte prestazioni dedicate a lavoratrici madri per situazioni di disagio dovute all’emergenza COVID-19.

La CAS.SA.COLF, rimborsa fino a € 200,00 una tantum per:

  • le spese sostenute per finalità di istruzione, scolastica o per servizi di baby sitting, per figli a carico o conviventi, fino al compimento del quinto anno di età, iscritti all’asilo o alla scuola dell’infanzia, o ospitati da centri diurni a carattere assistenziale (1.);
  • le spese per l’assistenza domiciliare ai figli a carico o conviventi, che siano in condizione di non autosufficienza, fino al compimento del diciottesimo anno di età (2.);
  • per bonus spesa, e cioè, fornitura di prodotti alimentari ovvero rimborso delle spese sostenute per le necessità di alimentare i figli fino al compimento del diciottesimo anno di età a carico o conviventi (3.).

Queste prestazioni (3.1., 3.2. e 3.3.) sono cumulabili fino ad arrivare alla concorrenza del massimale di € 200,00 complessivi.

Quali documenti medici servono per la richiesta dell’articolo 3?

Per avere diritto alle prestazioni, il lavoratore dovrà inviare a CASSACOLF la dichiarazione sostitutiva dello stato di famiglia (Allegato A) e il modulo richiesta prestazioni covid-19 (Allegato B).

PRESTAZIONI PSICOLOGICHE – PSICOTERAPEUTICHE E VIDEOCONSULTO MEDICO

La CAS.SA.COLF, ha previsto anche un rimborso fino a € 400,00 per la frequentazione di sedute presso uno studio psicologico o presso uno studio psicoterapeutico (Art.4, allegato B, allegato C). Inoltre, considerata la sospensione di gran parte delle visite specialistiche presso le unità sanitarie locali e la chiusura di molti poliambulatori sul territorio, UniSalute ha lanciato il nuovo servizio di video consulto specialistico nelle varie discipline mediche (Art.5).

CONTRIBUTI PER ACCESSO ALLE PRESTAZIONI

Al fine di favorire l’accesso alle prestazioni, la CAS.SA.COLF, in deroga al regolamento attuale, richiede la presentazione di almeno 2 trimestri di contribuzione, la cui somma non deve essere inferiore ad € 8. Essendo stato sospeso il pagamento dei contributi di assistenza contrattuale, verranno accettati i trimestri precedenti (saranno presi a riferimento il 3° ed il 4° trimestre 2019 mediante verifica dei MAV).

Come richiedere le prestazioni?

I lavoratori iscritti alla CAS.SA.COLF, per richiedere le prestazioni, dovranno effettuare le comunicazioni alla stessa solo tramite e-mail all’indirizzo pratichecovid@cassacolf.it per informazioni sarà possibile contattare il numero verde 800 1000 26. La richiesta, corredata dalla documentazione prevista, deve essere inviata dal Lavoratore iscritto entro 12 mesi dalla conclusione dell’evento a pena di decadenza. Il pagamento delle prestazioni avverrà solo ed esclusivamente attraverso accredito (bonifico) su c/c bancario, postale o carta ricaricabile intestato al richiedente.

“Per maggiori dettagli vi invitiamo a scaricare l’infografica con le prestazioni, a leggere il documento completo dell’integrazione al regolamento CAS.SA.COLF 2020 cliccando sull’anteprima che trovate nella pagina e a prendere visione della modulistica (allegato Aallegato Ballegato C).

prestazioni-covid19-cassacolf-lavoro-domestico
Integrazione-REG-CASSACOLF-Appendice-COVID19